Leonardo: favole e facezie

A cura di P. C. Marani e Carlo Vecce, con la collaborazione di Giuditta Cirnigliaro

Dall’ 11 giugno all’8 settembre 2013

La sedicesima mostra del Codice Atlantico è dedicata all’opera letteraria di Leonardo, con l’intento di presentare una ricerca solo apparentemente secondaria rispetto alla pratica artistica e agli studi scientifici e tecnologici, certamente più noti.

La mostra si apre nella Biblioteca Ambrosiana con i fogli riguardanti il confronto con le fonti: una sezione è interamente dedicata ai libri che possedeva Leonardo, illustrati con esemplari conservati presso la Biblioteca, per la prima volta in mostra. Seguono le favole sulla natura, molto numerose e dedicate principalmente piante e piccoli animali, in cui si fondono osservazione analitica e interpretazione letteraria.

Il percorso continua nella Sacrestia del Bramante attraverso testi di alto valore poetico, disegni e studi di figure fantastiche, che permettono di entrare nel laboratorio creativo di Leonardo, e di comprendere i meccanismi della scrittura e i procedimenti legati all’invenzione dei personaggi. Un testo poetico canzonatorio nei confronti del poeta Bernardo Bellincione introduce infine la serie delle facezie, le caricature grottesche e i disegni osceni: l’ “altro” Leonardo scrittore, quello della burla, il gioco, e l’appunto scherzoso.